ITDE

Storia del rifugio

La storia della Casa Lungacqua

costruzione_Saoseo_800

La sede del Rifugio Saoseo a Lungacqua è un fabbricato di tre piani costruita da Erminio Dorizzi nel 1935. Si tratta di un edificio molto particolare, in Val di Campo è unico nel suo genere per dimensioni e spazi abitativi.

Dal 1940 al 1957 una parte della casa viene affittata alle guardie di confine e dotata del telefono.
A partire dal 1945 parte del fabbricato è data in affitto al CAS (Club Alpino Svizzero) e adibita a rifugio. Nel 1974 la Sezione Bernina del CAS acquista una parte della casa, mentre l'altra metà rimane di proprietà della guida Engadinese Paul Nigg. Verso la fine del 1994 Paul Nigg vende la sua parte e attualmente tutta la struttura appartiene al CAS Sezione Bernina. Il CAS ha quindi ristrutturato e migliorato la casa: ampliamento della cucina, della sala da pranzo a pian terreno, nuovi servizi e varie camere-dormitori. Tutta la casa è stata isolata e munita di nuove finestre. Alla realizzazione dell’opera hanno partecipato molti associati contribuendo con 1500 ore di lavoro volontario. Il costo complessivo, compreso l’acquisto della parte di proprietà del signor Nigg, ammonta a circa 700'000 franchi. La sede centrale del CAS ha contribuito con il 40% delle spese, mentre il rimanente è stato assunto dalla Sezione Bernina.

Successivamente, adiacente alla parte nord del fabbricato è stato costruito un annesso che permette l’entrata indipendente, molto comoda specialmente durante la stagione invernale. Qui gli escursionisti dispongono di un apposito locale riscaldato dove possono deporre scarpe, indumenti e attrezzature ad asciugare. Da questo locale si accede direttamente alle camere-dormitori o alla sala da pranzo. La realizzazione di una piccola centrale idroelettrica serve per il fabbisogno energetico del Rifugio. Grazie a questa chicca, durante la stagione fredda gli amanti del turismo invernale trovano la "casa degli alpinisti" ancora più invitante e accogliente.

Ora il Rifugio Saoseo è in grado di ospitare un’ottantina di persone. L’ampliamento della struttura costituisce senza dubbio un grande vantaggio e un prestigio per il  turismo della Valposchiavo.

Gestito fino al giungo 1980 da Julius Schaffer, dal 1° giugno 1980 la gestione del Rifugio Saoseo è affidata alla famiglia Bruno Heis-Depeder.